Scritto il 26 Agosto 2021

Digitale terrestre DVB-T2: tutto quello che c'è da sapere

In questi giorni sentiamo sempre più parlare del nuovo standard TV DVB-T2 che presto entrerà in vigore in tutta Italia. Purtroppo non tutti hanno una corretta informazione a riguardo, perciò cercheremo di fare chiarezza sull'argomento. Vedremo insieme quali sono le novità apportate da questo nuovo standard e come potremo prepararci a questo evento.

Quali sono le novità apportate da DVB-T2?

Con l'introduzione della rete 5G, la banda 700 MHz (dapprima sfruttata dai servizi televisivi) sarà dedicata alla telefonia mobile. In questo modo la banda di frequenze disponibili per i servizi televisivi sarà ridotta e sarà dunque necessario introdurre un nuovo standard di trasmissione digitale chiamato DVB-T2. Inoltre verrà introdotto anche il nuovo standard di compressione MPEG-4 al fine di migliorare e rendere più efficiente la qualità dei contenuti. Di seguito abbiamo realizzato uno schema riassuntivo dove spieghiamo quali sono le date dello switch off e come verificare la compatibilità del proprio televisore.

Passaggio a MPEG-4

Data di inizio: 15 ottobre 2021

A partire da tale data, il passaggio da MPEG-2 a MPEG-4 sarà eseguito a discrezione delle singole emittenti televisive. I ricevitori non compatibili con la codifica MPEG-4 dovranno essere sosituiti oppure dotati di decoder compatibile con la nuova codifica.

Possiamo verificare la compatiblità con la nuova codifica semplicemente visualizzando un canale HD, ad esempio Rai 1 HD (LCN 501) o LA7 HD (LCN 507).

In ogni caso, la vecchia codifica MPEG-2 dovrebbe essere dismessa entro la fine del 2021.

Passaggio a DVB-T2

Data di inizio: 1 gennaio 2023

I televisori non compatibili con lo standard DVB-T2 dovranno essere sostituiti oppure dotati di decoder compatibile con il nuovo standard.

Possiamo verificare la compatibilità con il nuovo standard visualizzando i canali di test LCN 100 e 200. Se il televisore è compatibile, verrà visualizato il logo HEVC Main 10.

Ricordiamo inoltre che per obbligo di legge tutti i televisori acquistati da dicembre 2018 in poi sono compatibili con lo standard DVB-T2.

Come prepararsi allo switch off

Con il passaggio alla codifica MPEG-4 potremmo riscontrare difficoltà nella corretta visualizzazione dei canali TV: si parla infatti di quasi 36 milioni di TV attualmente in uso che rischiano di non supportare la codifica MPEG-4. Inoltre, con il passaggio allo standard DVB-T2, potrebbe essere necessario rinnovare o revisionare il proprio impianto di distribuzione TV.

Con i test che abbiamo descritto sopra possiamo verificare in maniera semplice e veloce se i nostri apparecchi televisivi supportano la codifica MPEG-4 e lo standard DVB-T2: qualora non fosse così, sarà necessario correre ai ripari.

Noi di L.A. Engineering siamo specializzati nella progettazione di impianti TV e abbiamo seguito corsi di formazione professionale che riguardano gli ultimi aggiornamenti sul digitale terrestre. Siamo a vostra completa disposizione per consulenze sul vostro impianto TVprogettazioni di nuovi impianti TV o informazioni per aggiornare gli apparati televisivi.

di Lorenzo Andreassi
© 2020 Tutti i diritti riservati.